- Hide menu

Chi Sono

 

me

Sono nato a Roma nell’agosto del ’77.

Di me dicono che sia venuto al mondo per competere, per cimentarmi con voglia e passione in tutte le sfide che la vita di volta in volta mi ha proposto.
Ho praticato e pratico tuttora numerosi sport a livello agonistico, dallo Judo alla Pallavolo, dallo Snowboard allo Skate e poi ovviamente il mio primo grande amore, non un semplice sport ma uno stile di vita, passione e adrenalina concentrate in quattro lettere, le quattro lettere di Surf.
Proprio il Surf, in cui mi cimento da oltre venti anni, ha fatto scattare in me la scintilla per la Fotografia.
Durante i miei lunghi viaggi per i mari e gli oceani del mondo, sempre alla ricerca dell’onda giusta da cavalcare, sono stato spesso seguito da un fotografo professionista pronto ad immortalare le sequenze più belle delle mie surfate. Un po’ per gioco, un po’ per sfida, un giorno ho provato a mettermi dietro l’obbiettivo. Quel  primo scherzoso click mi ha letteralmente stravolto la vita.

Oggi, a distanza di anni da quel primo scatto, lavoro nel campo della moda e dei reportage. Attraverso le mie fotografie mi piace raccontare storie, stralci di vita e frammenti di questo nostro folle, a volte crudele, a volte splendido mondo.
Ho collaborato con diversi Magazine sportivi fra cui SurfNews, Baco, SurfLatino e Revolt. Da un anno circa lavoro per il Magazine Maxim realizzando servizi fotografici con cadenza mensile.
Appassionato di tecnica e di tecnologie, mi piace sperimentare nuove soluzioni, ed intraprendere progetti particolari, inusuali, diversi.

Molti fotografi interpretano il reportage matrimoniale come un tipo di lavoro poco gratificante e banale. Eppure io ne sono completamente rapito.

Quando affronto gli aspetti più banali e per molti intellettualmente meno gratificanti di questo lavoro, tendo a pormi e ad osservare il contesto da un’angolazione diversa, unica, che renda unico ed esclusivo anche il servizio più comune. Credo che sia un privilegio poter entrare nella vita delle persone, immergersi nelle loro emozioni e catturarle attraverso le foto.

In fondo le fotografie sono proprio semplici frammenti di emozioni.